Igiene
Igiene

La qualità dell’acqua destinata al consumo umano, così come intesa dalla Direttiva Europea CE/98/83 e dal D.L. 31/2001 e s.m.i., può essere alterata principalmente da due tipologie di fattori esterni:


- fattori chimici,
- fattori microbiologici.


Partendo dal presupposto che la qualità delle acque approvvigionata dagli acquedotti italiani sia mediamente elevata (senza la presenza di sostanze inquinanti), occorre focalizzare l’attenzione sugli aspetti microbiologici, intesi come batteri che proliferano negli impianti idrici e potenzialmente dannosi per l’essere umano, presenti negli impianti interni agli edifici.

Statisticamente i principali batteri riscontrabili nelle acque destinate al consumo umano sono riconducibili a due famiglie: Pseudomonas Aeruginosa e Legionella Pneumophila.

 

Pseudomonas Aeruginosa
Questo batterio è uno dei principali agenti patogeni trasmissibili attraverso l'acqua destinata al consumo umano - in particolar modo abbinato ad altre infezioni che si possono sviluppare nell'ambiente ospedaliero. Questo microrganismo ubiquitario cresce ad una temperatura che oscilla tra i 25 e 30 °C, può essere molto aggressivo e provocare infezioni estese che possono causare la morte dei tessuti e il decesso per setticemia.

 

Legionella Pneumophila
Questo batterio fu isolato la prima volta nel 1976 in seguito ad un incontro di anziani veterani della Legione Americana che si tenne a Philadelphia in Pennsylvania (da qui il nome legionellosi). L'infezione colpì oltre 200 persone con 34 morti. Casi analoghi vengono spesso ripresi dalla stampa. La percentuale di casi mortali tra coloro che hanno contratto la malattia si aggira tra il 10 e il 15%. Il microrganismo si sviluppa ad una temperatura ideale di 37°C, ovvero la temperatura corporea dell'essere umano.

Diffusione e proliferazione batterica
Il batterio della Legionella, ovvero quello maggiormente legato agli aspetti impiantistici, si diffonde tramite il cosiddetto principio dell'aerosol, ovvero la nebulizzazione di micro gocce di acqua di dimensioni inferiori a 5 µm.
I principali sintomi della legionellosi sono spesso confondibili con quelli di una comune polmonite, ma con effetti che possono risultare ben peggiori. Il batterio colpisce soprattutto persone immunodepresse, fumatori, bambini ed anziani, privilegiando l'uomo rispetto alla donna: il contagio dell'uomo infatti è statisticamente più probabile di ca. 3 volte rispetto a quello della donna. Il batterio non è contraibile semplicemente bevendo acqua e non è trasmissibile da persona a persona.

 

Il batterio della Legionella prolifera in presenza di acqua stagnante, soprattutto negli impianti idrico sanitari e negli impianti di condizionamento con sistemi di umidificazione. Il batterio trova il proprio habitat naturale con temperature dell’acqua comprese tra 20°C e 50°C.

Consigli per arginare la proliferazione batterica

Preservare una buona qualità dell'acqua destinata al consumo umano deve essere l'obiettivo comune di coloro che progettano, installano, gestiscono il funzionamento e manutengono la distribuzione idrica. Qui di seguito alcune semplici misure di prevenzione che è possibile mettere in atto per limitare la proliferazione del batterio: 
 

  • Selezionare materiali idonei per limitare la formazione di terreni fertili per la proliferazione batterica;
  • Limitare al massimo i fenomeni di stagnazione attraverso un corretto dimensionamento dell'impianto (calcolo effettivo delle reali perdite di carico) ed evitando la creazione di rami ciechi a scarso utilizzo;
  • Evitare temperature di acqua calda inferiori a 50°C e di acqua fredda superiori a 20°C, prevedendo una linea di ricircolo a supporto dell’acqua calda ed un’adeguata installazione delle linee di acqua fredda lontano da fonti di calore e con idoneo isolamento termico.

 

Pseudomonas aeruginosa è uno degli agenti patogeni di infezioni che si possono diffondere negli edifici attraverso l'acqua sanitaria.
Pseudomonas Aeruginosa è uno degli agenti patogeni di infezioni che si possono diffondere negli edifici attraverso l'acqua sanitaria.
Legionella pneumophila è l'agente patogeno della legionellosi.
Legionella Pneumophila è l'agente patogeno della legionellosi.