O-ring elastomerici: una soluzione specifica per ogni applicazione 2014-02-20
O-ring elastomerici: una soluzione specifica per ogni applicazione

Un’aspettativa di servizio di 50 anni è richiamata in numerosi regolamenti relativi alle costruzione e all’impiantistica. I sistemi Viega, nel loro ciclo di vita, devono offrire agli impianti di acqua sanitaria, riscaldamento o gas un funzionamento senza problemi o guasti; sia quando installati a vista, come quando posti sottotraccia. Per raggiungere questo traguardo occorre che ogni componente dell’impianto sia durevole anche in circostanze estreme. Questo vale anche per gli o-ring, dai quali dipende la tenuta dei raccordi a pressare.

La durabilità degli o-ring viene messa alla prova dal fluido o gas condotto nell’impianto, dalla sua temperatura e da fattori e agenti esterni continui e/o temporanei. Tra questi, ad esempio, temperature di picco causate dal calore dell’ambiente circostante (esposizione solare in primis), l’arricchimento del fluido, ad esempio con sostanze gassose, o la necessità di disinfettare l’impianto applicando sostanze di natura chimica oppure innalzando temporaneamente la temperatura del fluido a valori molto elevati.
Data la diversità dei fattori che potrebbero far deteriorare precocemente i differenti materiali elastomerici, Viega impiega elastomeri specifici per ogni diverso campo di applicazione, soprattutto in considerazione del fatto che la guarnizione, non sostituibile nel tempo, deve assicurare la tenuta durante l’intera vita del prodotto.

Elasticità della guarnizione
L’elasticità a freddo e a caldo va presa in considerazione non solo in base al tipo di impianto che si va ad installare, ma anche tenendo conto del contesto in cui esso viene applicato. E’ importante distinguere, infatti, tra impianti installati all’interno o all’esterno, oltre che tenere in considerazione il luogo di installazione. Per esempio, l’irraggiamento del sole estivo nei paesi mediterranei può far salire oltre i +60°C la temperatura di un impianto di rame posato in esterni. In questo caso, la guarnizione HNBR, con la sua elevata elasticità a caldo, è più adatta di una soluzione NBR. Sino a quando la guarnizione mantiene elasticità, e quindi forza per ritornare alla propria forma originale, la tenuta è assicurata; per questo la scelta giusta del materiale è essenziale.

 

Resistenza chimica
Oltre che l’elasticità derivante dalle oscillazioni termiche dell’elastomero, va valutata anche la resistenza chimica in base al fluido condotto e in funzione dell’arricchimento dello stesso con ossigeno e ozono.
Prendendo l’esempio degli o-ring di tipo HNBR, la resistenza a temperature di regime fra -20°C e +70°C farebbe presupporre un’idoneità sia per gli impianti di gas che di acqua sanitaria. Valutando la resistenza chimica del HNBR si verifica la necessità di protezione dell’elastomero mediante l’aggiunta di resine. Poiché queste resine favoriscono la proliferazione di batteri nell’acqua, Viega non adopera soluzioni di tipo HNBR nei suoi sistemi per l’acqua sanitaria, anche se in Europa le relative certificazioni non sono tra loro completamente allineate.

 

HNBR per il gas fino a +70°C
Viega applica quindi gli o-ring di tipo HNBR negli impianti a gas, ad esempio Profipress G, con una temperatura di regime fra -20°C e +70°C.

 

NBR per acqua fredda e gas fino a +40°C
Gli o-ring di tipo NBR sono la soluzione ideale per l’allacciamento di impianti domestici (gas e acqua sanitaria fredda) oppure per i circuiti di raffreddamento poiché forniscono prestazioni affidabili in intervalli di temperatura fra -20°C e +40°C. Viega sceglie questa soluzione per i sistemi dedicati alle reti di distribuzione principale di acqua fredda e gas. 


EPDM per acqua sanitaria fino a +110°C
Per gli impianti di riscaldamento o di acqua sanitaria calda, inclusi quelli con linea di ricircolo, Viega ha concepito raccordi a pressare dotati di o-ring evoluti di tipo EPDM. Questo elastomero è, infatti, idoneo al contatto con l’acqua sanitaria ed è durevole con temperature comprese fra -25°C e +110°C. La combinazione tra o-ring di tipo EPDM e materiali come rame, acciaio inox o acciaio al carbonio (impianti di riscaldamento) risulta una soluzione quasi universale di Viega per gli impianti che conducono acqua, ma non per quelli a gas.

 

FKM per temperature particolarmente elevate
Impianti civili che subiscono un riscaldamento particolarmente elevato necessitano di componenti più specifici, capaci di garantire sicurezza e durata a temperature di regime superiori anche ai +100°C. Negli impianti solari termici, ad esempio in estate e in caso di prolungato inutilizzo dell’impianto, la temperatura può raggiungere anche valori ben più elevati. Per questo tipo di applicazione, Viega propone Profipress S con guarnizioni FKM, idonee a un utilizzo prolungato con temperature di +140°C, con possibilità di raggiungere picchi ben superiori fino a 280°C.

 

La differenza si vede dal colore
I tipi di raccordo offerti da Viega si distinguono con un solo sguardo: sul profilo tipico dei raccordi Viega, che è sede della guarnizione e cela il dispositivo SC-Contur, il punto verde evidenzia l’idoneità per gli impianti di acqua sanitaria, il punto giallo si riferisce ad applicazioni a gas e quello bianco contraddistingue raccordi con o-ring in elastomero FKM per applicazioni ad alta temperatura.
È importante ricordare come la tecnica di giunzione a pressare sia durevole, sicura ed efficace nel tempo quando i raccordi ed i propri componenti sono scelti in funzione dell’applicazione richiesta. L’offerta Viega di diverse guarnizioni soddisfa in maniera ampia ed efficace quasi ogni esigenza dell’impiantistica idrotermosanitaria, ponendo l’installatore professionista al riparo da danni futuri. 

pp_schnitt_profip_g_174.jpg
Il profilo tipico dei raccordi Viega è sede della guarnizione e integra il dispositivo di sicurezza SC-Contur.
Contatori_174x160.jpg
Negli impianti a gas, l’elasticità a freddo del materiale è la principale caratteristica qualitativa della guarnizione in elastomero di tipo HNBR. Chiaramente anche la resistenza chimica al gas stesso è rilevante.
fittinge_kollektor_174.jpg
Negli impianti solari termici, gli o-ring dei raccordi a pressare devono resistere a temperature molto elevate. Le guarnizioni di tipo FKM sono idonee all’utilizzo con temperature di regime medie di +140°C.
pp_schnitt_trinkwasser_174.jpg
Per gli o-ring dei suoi raccordi a pressare, Viega applica materiali elastomerici specifici per utilizzo. La distinzione è semplice: ad esempio il punto verde evidenzia l’idoneità per gli impianti di acqua sanitaria.